Sorsi d'Autore 7 luglio

sorsi d'autore la cappuccina 7 luglio villa foscarini stra venezia

A Villa Foscarini Rossi si brinda col Soave firmato da La Cappuccina
Nell’ambito della xxv° edizione di Sorsi d’Autore il Soave de La Cappuccia sarà protagonista di una serata dedicata a moda, eleganza e cultura.


Sartorialità negli abiti, sartorialità nel vino. Mai binomio fu più centrato. Ecco dunque il fil rouge che collega le eccellenze enologiche de La Cappuccina, cantina gioiello del Soave, con i costumi di scena realizzati nel tempo per il Teatro La Fenice di Venezia. 

Nell’ambito della rassegna culturale Sorsi d’Autore, domenica 7 luglio a Villa Foscarini Rossi (Venezia) il Soave, frutto di viticoltura biologica dal 1985, sarà l’indiscusso protagonista di una serata da conservare nella memoria: in quell’occasione infatti sarà dato ampio spazio all’artigianalità e all’arte sartoriale con una sfilata in costumi femminili d’epoca a cura di Fondazione Teatro La Fenice, fino alla visita al Museo della Calzatura, presso Villa Foscarini Rossi, che dal 1993 ospita la produzione dell’azienda Rossimoda, produttrice di calzature da donna per il mercato del lusso internazionale.

«Sorsi d’Autore, quest’anno alla sua 25esima edizione, è una rassegna che ci sta molto a cuore - dichiara Elena Tessari, quarta generazione alla guida dell'Azienda assieme ai fratelli Sisto e Pietro - perché unisce tutto ciò che amiamo: il bere raffinato, la cura per il territorio e le tradizioni venete. Questo evento ne è la culla. Quest’anno poi mi è ancora più cara per l’attenzione che si è scelto di dare alla figura femminile, tematica a cui tengo molto».

Sorsi d’Autore, organizzata da Fondazione Aida, in collaborazione con Regione Veneto, Istituto Regionale Ville Venete e Associazione Ville Venete, è l’appuntamento più atteso della stagione, un vero inno all'estate e alla cultura.
La manifestazione trae a sé tutta la bellezza che la stagione e il territorio offrono: strizza l’occhio alla nobiltà veneta e alla cultura veneziana, diventando spazio di raccordo per quanto di prezioso c’è da ammirare. Dalle storiche e sontuose ville, che fanno da cornice alla kermesse, all’arte, la musica e la letteratura, che incantano gli ospiti, fino alle eccellenze enogastronomiche, che regalano un  viaggio sensoriale.

«La serata sarà l’occasione per conoscere meglio la nostra cantina e degustare anche i sapori del territorio nel giardino di Villa Foscarini Rossi. Abbiamo infatti selezionato il Soave - prosegue Elena Tessari - vino biologico da suolo vulcanico, 100% garganega, fresco e minerale: un elogio alla solarità dell’estate. Quale miglior connubio con tanta bellezza e tradizione?».

Il Soave de La Cappuccina, alla vista presenta un colore giallo paglierino con riflessi dorati.

Al naso offre un delicato bouquet di fiori bianchi, con note di sambuco e di pesca bianca.

In bocca infine si manifesta fresco, sapido, con sentori di mela golden e con nota di pietra focaia.

Ottima persistenza sul finale. Il Soave de La Cappuccina spicca per la sua versatilità: ottimo come aperitivo, eccellente da tutto pasto.

Da bere d’annata meglio dopo qualche anno in bottiglia.